MAPPA CATASTALE ONLINE

Ti serve una Mappa Catastale? Ecco la guida su come richiederla OnLine

Novità: è possibile richiedere il servizio di Mappa Catastale direttamente dal sito www.visurecatastaligratis.it. Ottieni il servizio in pochi secondi. Clicca qui!

Mappa catastale: cos'è

La mappa catastale (o estratto di mappa) è la rappresentazione grafica delle porzioni di aree di terreno estrapolate dai fogli di mappa catastali, dove è riportata l'estensione in pianta delle particelle individuate.

A cosa serve

La mappa catastale è utile per rilevare i confini e le aree di pertinenza di determinati appezzamenti di terreno.

Come e dove ottenerla subito

La mappa catastale è un documento rilasciato dall'Agenzia delle Entrate (ex Agenzia del Territorio).

E' possibile recarsi direttamente presso un qualsiasi ufficio provinciale o sportello decentrato del Catasto che provvederà a rilasciare la mappa catastale in formato cartaceo: operazione non sempre esente da inconvenienti che spesso può richiedere anche una notevole perdita di tempo (code agli sportelli, spostamenti in auto con il problema di reperire parcheggi liberi, etc).
Situazione ancora più svantaggiosa per chi abita nella grandi città dove muoversi in macchina è più problematico, a causa del traffico cittadino , e le code negli uffici sono sicuramente molto più lunghe a causa di una maggiore affluenza di persone.

Da alcuni anni la mappa catastale è disponibile in formato digitale solo per le richieste effettuate telematicamente. Nel caso in cui la richiesta sia eseguita telematicamente sarà sufficiente indicare i dati catastali del terreno.

In rete ci sono diverse società di servizi che forniscono il servizio di mappe catastali on-line o in leggera differita, con il vantaggio di ottenere subito il documento senza problemi di code o spostamenti in auto venendo spesso anche supportati da un servizio assistenza a mezzo email o telefonico messo a disposizione dalle varie aziende.

Le caratteristiche

Le mappe catastali possono essere richieste soltanto per le particelle di terreno regolarmente registrate presso il catasto terreni e forniscono, oltre al profilo dell'appezzamento di terreno ricercato anche le "sagome" dei fabbricati urbani regolarmente denunciati che si trovano al suo interno.

Il numero della particella con cui la porzione di territorio è stata registrata presso il Catasto Terreni viene riportato all'interno della rappresentazione di ogni singola area e se il numero identificativo è in grassetto significa che quello è stato il parametro utilizzato per estrapolare la mappa catastale.

Le sagome dei fabbricati sono rappresentate con il colore grigio, mentre quelle dei terreni sono di colore bianco.

La scala

Le mappe catastali possono essere fornite in formato A4 (cm. 21X29,70) o A3 (cm. 29,70X42,00) generalmente in scala 1:2000. Nei centri urbani spesso l'estratto di mappa è rilasciato in scala 1:500 o 1:1000. Nelle zone estese e non edificate alcuni documenti possono essere rappresentati in scala 1:4000 o 1:5000.

Non è possibile modificare le scale di rappresentazione delle mappe catastali.

Come si legge una mappa catastale

Negli estratti di mappa catastale, oltre all'indicazione grafica delle particelle catastali, sono riportati dei simboli o numeri per una corretta lettura del documento:

  • All'interno di ogni rappresentazione grafica (o poligono) è indicato il numero relativo alla particella catastale.
  • I poligoni riempiti scuri identificano l'ingombro del fabbricato urbano in pianta.
  • Eventuali balconi e oggetti sono rappresentati in mappa da linee tratteggiate.
  • Due poligoni possono essere uniti tra loro e identificati con la solita particella; in tal caso sarà riportato tra le sagome il simbolo "S" o "graffetta".
  • Nel caso in cui siano presenti dei piani scantinati a ridosso del fabbricato sono riportati delle linee puntinate (…).
  • Nelle mappe catastali i poligoni riempiti da retinatura a mattoni stanno ad indicare fabbricati oggetto di ampliamenti di modesta entità.
  • I torrenti, fiumi e strade pubbliche sono rappresentati generalmente con linee continue (poligoni aperti in rari casi) e possono riportare l'indicazione della via o strada o del fiume o mare. La direzione di un corso d'acqua è indicata con una freccia.

L'estratto di mappa catastale inoltre riporta dei simboli indispensabili per i Tecnici al fine di inserire in mappa un nuovo fabbricato o un ampliamento mediante i "Mappali" o per effettuare "Frazionamenti" ed aggiornare le mappe catastali.

  • Il cerchio posto sullo spigolo di un fabbricato e numerato indica in Punto fiduciale catastale relativo al foglio con coordinate note verificate.
  • Il simbolo del triangolo o "punto Trigonometrico" indica la presenza di un oggetto quali ad esempio "picchetti" inseriti nella terra o carreggiata utilizzati inizialmente come punti di riferimento per l'aggiornamento delle mappe catastali. I punti Trigonometrici, non ricadendo su spigoli di fabbricati sono meglio identificati a mezzo di foto e disegni (monografie) archiviati presso un apposito registro dell'ufficio catastale provinciale di riferimento.
  • Nelle mappe catastali nel caso di scarpate, di un burrone o di un ciglio viene utilizzato il simbolo Y posto tra le due particelle di riferimento.
  • Nel caso in cui il fabbricato sia stato inserito in mappa catastale d'ufficio perché non dichiarato dal proprietario viene riportato nella particella il simbolo <>. Spesso alle nuove unità immobiliari è dato un nuovo numero di particella non riportato però in mappa catastale.


Servizio informativo gratuito a cura "di Alessandra Marzupini"

Inserzione pubblicitaria